7 Gennaio 2018

A Catania una scuola d’Italiano che va oltre la didattica

Può a Catania l’accoglienza agli immigrati/rifugiati limitarsi all’assistenza dei loro bisogni di sussistenza? È possibile offrire strumenti che permettano loro di dialogare e di veicolare cultura?  Possiamo parlare semplicemente di scuola d’italiano agli immigrati/rifugiati o piuttosto di scuola di italiano per l’inclusione educativa? Credo che la scuola d’italiano agli stranieri/rifugiati, promossa dalla Comunità di Sant’Egidio e  iniziata il 24 settembre  2017 presso i locali della Chiesa di Santa Chiara, sia una risposta concreta all’inclusione educativa.  Ossia accompagnare i giovani ad assumere ed assimilare lo strumento della lingua italiana per sentirsi “cittadini” integrati e non ospiti. Per questo la scuola ha come obiettivo anche  quello di una educazione globale: non solo didattica, ma cultura della vita. Prendersi, cioè, cura dell’altro, volere il suo bene, rispettare la sua dignità. Non a caso il Progetto ha come titolo: Cultura e lingua italiana. Scopriamone qualche dettaglio. Innanzitutto la scuola fa parte del Progetto Socio/educativo ad ampio respiro. Dove il sottotitolo, dall’integrazione all’interazione all’inclusione, lascia intravvedere delle azioni pedagogiche progettate in cui la finalità dell’inclusione diventa l’ampliamento di orizzonte per l’immigrato/rifugiato. La scuola si avvale della collaborazione di 10 volontari e volontarie tra studenti universitari, docenti, professionisti in pensione e non. Di una rete di agenzie educative, associazioni culturali con cui la Comunità di Sant’Egidio ha avviato Protocolli d’intesa. Ed una collaborazione per i percorsi culturali avviati da tempo con la Rettoria San Nicola l’Arena. Nella Scuola, l’apprendimento si avvale del metodo esperienziale che s’intreccia con l’apprendimento linguistico integrato, di percorsi didattici individualizzati, di laboratori in cui i giovani  si esercitano a padroneggiare la lingua italiana  attraverso lo sport, l’arte, la pittura, la musica, la danza … e le visite culturali. Questo metodo agevola l’inclusione educativa/culturale ed incoraggia gli immigrati/rifugiati a scoprire le loro potenzialità per integrarsi, man mano, da protagonisti nel loro nuovo contesto sociale e culturale. La scuola ha un direttore didattico, Walter Cerreti, responsabile della Comunità di Sant’Egidio a Catania ed una coordinatrice, suor Maria Trigila, Figlia di Maria Ausiliatrice. Fin dall’inizio la scuola ha ricevuto incoraggiamento e sostegno da parte di mons. Gaetano Zito, Vicario episcopale per la Cultura dell’Arcidiocesi di Catania e Rettore della monumentale chiesa San Nicola l’Arena. La Rettoria con la comunità di Sant’Egidio nella sede dell’Università degli Studi Monastero dei Benedettini hanno anche aperto lo Sportello di Inclusione Educativa. Ma questa è un’altra storia.

SOSTIENI LA SCUOLA DI LINGUE E CULTURA ITALIANA CON UNA DONAZIONE

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Totale Donazione: €50.00

Puoi sostenere il nostro lavoro con una donazione

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Totale Donazione: €50.00

Comunità di Sant’Egidio – Sicilia ONLUS C.F. 97091710836 Sede legale Via C. Ursino 4, 95123 Catania.

La Comunità di Sant’Egidio è un movimento internazionale di laici presente in più di 70 paesi nel mondo.

Fondata nel 1968 da Andrea Riccardi. Preghiera, poveri, pace sono al centro dell’impegno gratuito e volontario di tutti coloro che ne fanno parte.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti ma non di profilazione, in quanto necessari al suo funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella informativa sui cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la nostra informativa estesa attraverso questo il link dell'informativa estesa INFORMATIVA ESTESA